Timberland: tutto cominciò con uno stivale

In un mondo sempre in movimento un brand, per sopravvivere, deve dotarsi di una personalità autonoma e svincolarsi da prodotto, tendenze e fenomeni sociali.

Cambiare non solo è possibile, ma spesso inevitabile. Se la marca non cambia, non si adatta ai bisogni dei consumatori, non risponde ai suoi nuovi desideri, allora è una marca destinata a scomparire o a perdere di importanza. <a href="http://www.timberland.it/" onclick="__gaTracker('send', 'event', 'outbound-article', 'http://www.timberland generic tadalafil.it/’, ‘Timberland’);”>Timberland, storico brand americano basato sull’artigianalità yankee, l’ha capito ed è riuscito a reinventarsi nel corso del tempo. È partito tutto 40 anni fa da uno stivale, divenuto un’icona intorno a cui costruire un marchio. Creato per i lavoratori che abitavano nel New England, il yellow boot si è trasformato presto in un accessorio di tendenza. In Italia il merito dell’esplosione può essere attribuito ai paninari, subcultura giovanile dei primi anni 80. Consumisti e cultori dell’America, la divisa d’ordinanza prevedeva Moncler, Levi’s e “Timbe”.

Ai canali di distribuzione classici, Timberland affianca oggi concept e flagship store che promuovono il coinvolgimento razionale e plurisensoriale del consumatore. L’idea tradizionale di negozio come luogo dove effettuare solamente l’acquisto sta mutando: un cambiamento nelle condotte che rende il trade capace di influenzare le vendite e costruire un mondo intorno alla marca. Una strategia basata sulla celebrazione di storia e valori per rappresentare marche concept con il bisogno di raccontare attraverso negozi monomarca un intero lifestyle.

Nel cuore di Milano, è stato inaugurato nel 2007 il flagship eco-compatibile Timberland che rientra nei POS di nuova concezione: il secondo al mondo dopo quello di Londra. Nuove aperture ed eventi in-store in sintonia con un brand che fa della qualità del prodotto e dell’impegno per l’ambiente due capisaldi della propria filosofia aziendale.

timberland

Il tempo scorre e le cose cambiano ma in Italia le ʺTimbeʺ non sono mai passate di moda, anche se nessuno si sognerebbe più di sfoggiarle in discoteca! Perché il cambiamento è inevitabile, ma la crescita personale è una scelta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *